Roots, le radici del culto.

Siamo nel cuore di Kingston, in Jamaica. Nuvole di vapore unto invadono i vicoli dei bassifondi, sapore di cucina creola, stratificazioni di genti diverse, miscuglio di respiri.

Da una finestra con le inferriate scrostate si diffonde nell’aria un canto potente e malinconico. È lui, la divinità, il messia che la gente di qui aspettava. Nessuno come Bob Marley è riuscito a risollevare non già le condizioni materiali, ma quelle spirituali dei poveri di Kingston.

Nessuno come lui ha donato la speranza della libertà alle masse indistinte delle periferie, masse di persone con un passato di schiavitù e un futuro non meno plumbeo.

La città è, almeno secondo le statistiche, la più pericolosa del mondo. Non lo diresti, uno si immagina peace and love e marijuana. In quelle strade i Rude Boys hanno fatto dello stile gangster una moda.
Ma di fronte, e insieme a questa cattiveria necessaria, dal cuore della gente esplode la fede in un futuro diverso.

roots coffee stout

Emancipazione. Redenzione. Redemption Songs.
Queste le note che zampillano dalla finestra, e mentre passi di lì puoi sentire forte questo canto di libertà: “Emancipate yourselves from mental slavery, none but ourselves can free our minds”.

Liberiamoci dalla schiavitù mentale, solo noi possiamo liberare le nostre menti. Come con un bel caffè, nero e carico di idee.

roots coffee stout

Non è un caso che Pietro e Alessandro Verri, illuministi di casa nostra, nel 1764 diedero alle stampe una rivista reazionaria, razionale, uno schiaffo all’ordine costituito, e la chiamarono appunto “Il Caffè”.

E da qui partiamo anche noi, di nuovo.
Ci siamo permessi di scomodare l’eredità culturale del movimento rasta perché ne condividiamo i fini, lo spirito libero, la freschezza che non passa.
E, come al solito, abbiamo provato a trasformarla in birra, e il risultato è la nostra Roots Coffee Stout.

Roots, come le radici,
come il culto rasta,
come la protesta che sale dal basso.
Coffee, come intuizione,
come intelligenza, come risveglio.
Stout, come radicalità,
decisione, profondità.


Parafrasando il grande Bob, “won’t you help to drink this beer of freedom”!

roots coffee stout

Pin It

Tags: Chiacchiere di Birra